FOTO NOME (specie  sottospecie  'Forma'  CULTIVAR)                    Descrizione
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

N.B. La pagina dei veri Habranthus è ancora in preparazione.

Nel sito www.domus-bulborum.com è presente una scheda del Habranthus robustus (vedi).

 

 

 

 

In Europa viene commercializzata una pianta sotto il nome "Habranthus robustus",  la quale in realtà è però una Zephyranthes (leggi).  La confusione nei nomi è dovuta al fatto che per un certo tempo i botanici dichiararono - erroneamente - Habranthus robustus un sinonimo di Zephyranthes robusta, a sua volta identica con Zephyranthes grandiflora (attualmente ufficialmente chiamata Zephyranthes carinata oppure Zephyranthes minuta vedi.) La produzione della pianta venduta come "Habaranthus robustus" è situata in India, dove essa viene chiamata commercialmente Zephyranthus robusta (un nome ormai illegittimo) oppure, correttamente, Zephyranthes carinata.  Come spesso avviene  nel commercio delle piante, persiste tuttora il nome estesamente usato in precedenza. (Una situazione ben conosciuta, simile a quella di "Habranthus",  si è verificata per i generi Amaryllis e Hippeastrum.) Il nome anglosassone "Rain Lily" (Giglio della Pioggia) viene applicato in America sia alle Zephyranthes che ai veri Habranthus, perché le specie di entrambi questi generi fioriscono dopo le abbondanti piogge.

 

I bulbi della pianta commercializzata come "Habranthus robustus"  sono dunque quelli della specie Zephyranthes carinata. Essi sono quasi sferici, tunicati, scuri, generalmente non più alti di 2,5-3 cm. Vanno piantati in vasi collocati in una posizione soleggiata in gruppi assai fitti ("uno sì, uno no") a poca profondità, senza farli però emergere dal suolo. Particolarmente belli sono insiemi in ciotole. In vasi del diametro di 20 cm è possibile collocare facilmente una ventina di bulbi. Alla sera, in maniera simile ai crochi, i fiori si chiudono parzialmente per la notte (passare il mouse sopra la foto sottostante).

 

 

                                          

                                            

 Il substrato deve essere permeabile, mediamente ricco. In vaso gli steli fiorali e le poche foglie hanno una lunghezza generalmente non superiore ai 15 cm. Le foglie arcuate lasciano gli steli fiorali verticali liberi per portare senza impedimenti i grandi fiori imbutiformi quasi sempre solitari, rosa brillante con venature più scure e la gola verde. I fiori possono avere un diametro fino a 7,5 cm  e durano generalmente due o tre giorni. Il grande pregio di questa pianta, oltre al basso prezzo dei bulbi, è il fatto che si può regolare la sua fioritura. Infatti, piante coltivate in un substrato appena sufficientemente umidificato con occasionali spruzzi d'acqua, possono essere indotte a fiorire con abbondanti annaffiature. In piena estate, una settimana o dieci giorni dopo tale trattamento, si aprono i fiori rivolti verso il sole. Le stesse piante possono essere indotte in questa maniera a ripetute fioriture. A tale proprietà è dovuto il nome volgare inglese  Rain Lily (Giglio della Pioggia).

Durante l'inverno i vasi con i bulbi dovrebbero essere conservati in un luogo poco umido dove non si verificano eventi di gelo. Nel periodo di riposo è sufficiente spruzzare ogni due settimane poca acqua sulla superficie del suolo. I bulbi, ai quali non fosse possibile assicurare queste condizioni, devono essere dissotterrati in autunno e conservati immersi in trucioli o vermiculite e ripiantati alla fine di marzo o in aprile.

In vaso è possibile assicurarsi una fioritura relativamente tardiva di fine estate o inizio autunno. A tale scopo i bulbi devono essere conservati fino a maggio o giugno in un luogo fresco ed asciutto e piantati in vasi o ciotole tenute in semiombra annaffiando solo sporadicamente per assicurare il lento sviluppo delle foglie. Le piante devono essere poi annaffiate copiosamente circa dieci giorni prima del momento prestabilito per la fioritura.     

  

alla pagina dell'Habranthus in piena terra                              Verifica disponibilità nel catalogo CAT-I

 

   

           I fiori dei "Gigli della Pioggia"  durano solo due o tre giorni. Le stesse piante possono però essere stimolate

                            a fiorire abbondantemente con copiose annaffiature più volte durante l'estate.

             (La pianta appartiene al genere Zephyranthes, ma viene commercializzata generalmente

                                                                                                                  sotto il nome errato "Habrathus robustus".)

_________________________________________________________________________

 

                                  INTRODUZIONE AL SENTIERO VERDE DEI BULBI

___________________________________________________________________________________________

 

all'indice                                                                       alla scelta della destinazione

_________________________________________________________________________

 

                                HOME      CATALOGHI      CONTATTI      MOSTRA DEL NARCISO      LINKS

___________________________________________________________________________________________